Contenuto principale

Venerdì, 01 Maggio 2015 16:56

Coldplay In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coldplay sono un gruppo alternative rock britannico formatosi a Londra nel 1997.[4] La band è composta da Chris Martin (vocetastierechitarra), Jonny Buckland (chitarra), Guy Berryman (basso) e Will Champion(batteria). I Coldplay raggiunsero la fama mondiale con il loro singolo Yellow, contenuto nel loro album di debutto Parachutes (2000). Il brano diventò presto una hit e nel luglio 2000 arrivò a piazzarsi alla quarta posizione della classifica dei singoli britannica.[5] Il loro secondo album A Rush of Blood to the Head (2002) segna la loro consacrazione e consente alla band di acquisire notorietà in tutto il mondo. L'album si piazzò direttamente al 1º posto della UK Albums Chart[5] e al 5º posto della Billboard 200.[6] La loro successiva pubblicazione, X&Y (2005) ricevette una fredda accoglienza da parte della critica, ma riuscì comunque a tenere i ritmi di vendita dei precedenti album. Con il loro quarto album in studio Viva la vida or Death and All His Friends, trainato dalla hit Viva la vida e prodotto da Brian Eno, la band ottenne numerose recensioni favorevoli, oltre alla vittoria di treGrammy.[7] I Coldplay hanno venduto a livello mondiale oltre 80 milioni di copie tra singoli e album.[8]
Lo stile dei Coldplay del periodo Parachutes è paragonabile a quello dei Radiohead, degli U2, dei Travis e a quello di Jeff Buckley.[9] Per A Rush of Blood to the Head, i Coldplay si rifanno a stili più similari a Echo & the Bunnymen,[10] Kate Bush e George Harrison;[11] per X&Y vengono influenzati da Johnny Cash e Kraftwerk, mentre si basano sullo stile dei Blur, degli Arcade Fire e dei My Bloody Valentine per Viva la vida or Death and All His Friends.[12]
La band ha anche molto a cuore le questioni politiche e sociali del mondo, sono impegnati attivamente nella causa portata avanti da Oxfam[13] ed hanno sostenuto altre importanti cause suonando in concerti come il Live 8 e partecipando al Band Aid.



Fonte: Wikipedia.it
Letto 488 volte Ultima modifica il Sabato, 23 Maggio 2015 16:43

Video

Devi effettuare il login per inviare commenti